WWHT OFF per Davines Italia

Artètipi ha prodotto tre installazioni site-specific all’interno del circuito del World Wide Hair Tour organizzato da Davines e tenutosi a Parma il 4 Giugno 2022. 

La prima installazione ha luogo nell’Oratorio di Sant’Alessandro, ed è Invasione di Giacomo Gerboni, frutto di un workshop multidisciplinare tenutosi in atelier nei mesi passati e in collaborazione con la Cooperativa I Girasoli:

“All’inizio del 2021 ARTETIPI mi ha chiesto di pensare ad un progetto che esplorasse le loro identità, come spazi vissuti, spazi aperti. Spazi che vorrebbero essere conosciuti e riconosciuti, per cercar di diventare punti culturali di riferimento vivo per il quartiere.
Ho proposto di realizzare un video clip sperimentale. Questo magico contenitore al suo interno custodisce la canzone, con le parole e la musica; la performance, con il ballo e la recitazione; l’animazione, con il disegno e le grafiche; l’ambientazione, con la moda, l’installazione spaziale e il design.
Dopo i primi giorni di lavoro su carta sono apparsi gli Alieni. Mi è sembrato subito un incontro molto interessante, un immaginario forte ma anche aperto a possibili interpretazioni allegoriche. Abbiamo quindi deciso di organizzare un’invasione aliena dell’Oltretorrente.
Un’invasione al contrario, in cui gli alieni arrivano per liberare, per rivelarsi, non per conquistare, ma per far dono della loro energia alternativa.
Abbiamo realizzato delle maschere di cartapesta per la metamorfosi.
Gli alieni portano in dono al quartiere e ai suoi abitanti una semplice coreografia che cercheremo di divulgare. Che effetto avrà sugli umani?”.

La seconda installazione ha avuto luogo a Palazzo Ferrari Pelati a cura di Sbrama.

Sbrama incontra 13 artisti dell’atelier Artetipi. L’Altro si impone senza maschera, senza convenzioni, è spiazzante.

Il confronto esplode su tele di 4 metri su cui è dipinto il sipario di un sogno. Il segno di una mano tremante, la pennellata liberatoria, la sacra meticolosità si stagliano sulle tele, creando un passaggio ricco di soglie, la soglia dell’Altro, che richiede di essere guardata. Sipario di una finzione, un teatro nel palazzo del seicento, una musica viene dall’aldilà.

La terza installazione si è tenuta all’interno della magica cornice dell’Orto Botanico a cura di Artètipi.

L’installazione rappresenta l’incontro delle varie identità degli artisti dell’atelier di Artètipi che si incontrano in modo da creare un unico lavoro artistico che mostra con evidenza come la varietà e lo scarto tra linguaggi e tecniche siano perfettamente in dialogo tra loro creando una nuova esperienza artistica.
Le carte utilizzate sono state estratte da vecchie agende Davines 2021 donate da CSV Parma. Abbiamo scelto di utilizzarne i fogli singoli come tessere di una tabella modulare ripetibile all’infinito.